rimozione macchie cutanee con laser
Medicina Estetica e Chirurgia Plastica

Rimuovere le macchie cutanee con il laser

26 Gennaio 2022
CATEGORIE E ARCHIVIO >

Come eliminare definitivamente gli inestetismi della pelle di volto e mani

Le macchie della pelle: cosa sono e perché compaiono

Le macchie cutanee sul viso o sulle mani sono una patologia che rientra tra le cosiddette discromie, ovvero colorazioni, pigmentazioni e inscurimenti di una parte della pelle del nostro corpo, in particolare nella zona del volto. Si manifestano con l’avanzare dell’età e sono solitamente un segno dell’invecchiamento cutaneo, ma possono essere provocate da lesioni o da altri fattori; colpiscono indifferentemente donne e uomini e sono spesso percepite come un inestetismo, anche perché si concentrano nella parte del corpo che più di ogni altra è in grado di esprimere la nostra bellezza.

Le modifiche nel colore della pelle del viso possono manifestarsi in maniera diversa, ma coinvolgono in entrambi i casi la melanina, il pigmento responsabile della colorazione di pelle, occhi e capelli. Le macchie cutanee possono infatti essere causate da un accumulo di melanina (in questo caso si parla di ipercromie, con la formazione di macchie scure sulla pelle) oppure da una carenza di melanina (ipocromie, con la presenza di macchie chiare sul volto).

 

Tipi di macchie cutanee

Le principali tipologie di macchie della pelle che sorgono sul volto e in altre zone del corpo sono:

  • lentigo senili, che appaiono con il progredire dell’età quando la melanina penetra nelle zone più fragili della cute, hanno forma tondeggiante e colore scuro;
  • lentigo solari, macchie di colore più chiaro causate da un’esposizione prolungata e ripetuta ai raggi solari;
  • melasma, ovvero macchie cutanee di origine ormonale. Può capitare infatti che un’alterazione o sbalzo ormonale – legato per esempio a una gravidanza, alla menopausa o a particolari trattamenti farmacologici – provochi un eccesso di pigmentazione, che si manifesta sotto forma di macchie della pelle in varie parti del corpo;
  • macchie sulle mani, che altro non sono in realtà che una manifestazione di lentigo senili a livello delle mani, con un’eccessiva pigmentazione della cute legata all’invecchiamento cellulare.

 

Trattamento e rimozione definitiva delle macchie cutanee

Per risolvere gli inestetismi della pelle legati all’insorgenza di macchie cutanee si possono utilizzare diversi trattamenti, come la dermoabrasione, il peeling chimico o la crioterapia. Il modo più efficace per rimuovere le macchie della pelle, tuttavia, è rappresentato dall’impiego del laser Q-Switched: si tratta di una tecnologia di ultima generazione che consente di eliminare rapidamente e in via definitiva le macchie del viso e delle mani, specialmente se isolate e di grandi dimensioni.

Il trattamento delle macchie cutanee con laser Q-Switched permette infatti di concentrare l’intervento su specifiche zone della pelle con estrema precisione, proiettando impulsi di energia ad altissima intensità sulla macchia interessata – percepiti come un fascio di luce e una sensazione di calore di durata di circa 15 minuti – che agiscono secondo il principio della fototermolisi selettiva: il raggio laser intacca esclusivamente il pigmento della melanina senza interferire in alcun modo con le altre strutture circostanti, evitando così di far sanguinare la pelle durante o dopo il trattamento.

In questo modo è possibile rimuovere definitivamente macchie solari, macchie post-gravidanza e macchie senili dal viso, dalle mani e da ogni altra parte del corpo, con un immediato ritorno alla vita sociale, senza alcuna necessità di ricovero o di anestesia: il rossore post intervento scompare rapidamente, mentre la macchia trattata assume colore porpora per alcuni giorni per poi dare vita a una sottile crosta, che cade nel giro di breve tempo.

Condividi la notizia

tutti i campi sono obbligatori

< CHIUDI

Notizie più lette

Martedì 24 Novembre 2020

DIFFERENZA TRA ISOLAMENTO E QUARANTENA - CHI SONO I CONTATTI STRETTI - I TEMPI DEL COVID19

Bisogna innanzitutto capire se siamo considerati “contatti stretti” di un caso positivo oppure eseguiamo il tampone perché abbiamo noi stessi sin...