logopedista e ortodontista
Bambini

Perché logopedista e ortodontista lavorano in sinergia

22 Dicembre 2021
CATEGORIE E ARCHIVIO >

L’importanza della visita ortodontica per una corretta fonazione

Logopedia e ortodonzia: di cosa si occupano

Il logopedista è il professionista specializzato nella diagnosi, cura e trattamento di problemi o carenze del linguaggio e della parola. Il campo d’azione della logopedia spazia dai disturbi fonetici (difficoltà di pronuncia o di articolazione di determinati suoni) fino alle problematiche di apprendimento (difficoltà a leggere, dislessia, ecc.), concentrandosi in particolare sullo sviluppo del linguaggio in età evolutiva.

L’ortodontista è invece un odontoiatra specializzato in ortodonzia, ovvero in quella particolare disciplina che si occupa di occlusioni dentali e corretto posizionamento dei denti, ricorrendo se necessario a interventi specifici o al cosiddetto apparecchio ortodontico (volgarmente chiamato “apparecchio per i denti”).

Nelle strutture più all’avanguardia che trattano la salute del cavo orale e che adottano un approccio sistemico al paziente, come la Clinica Marchetti in provincia di Sondrio, le figure del logopedista e dell’ortodontista operano a stretto contatto e in modo sinergico. Ecco come e perché.

 

Risolvere i problemi di linguaggio prima del trattamento ortodontico

Il logopedista e l’ortodontista hanno a che fare con patologie e disturbi che si originano nel cavo orale e che spesso sono tra loro correlati. Alcune tra le principali difficoltà di linguaggio riscontrabili dalla logopedia sono spesso riconducibili a problemi di posizionamento degli elementi dentali, alla postura della lingua o a malocclusioni dentarie che si possono manifestare con la crescita; viceversa, determinati trattamenti ortodontici nei bambini rischiano spesso di risultare inefficaci perché vengono affrontati senza prima analizzare e risolvere i vizi di linguaggio e i problemi fonetici del paziente.

In particolare, il logopedista può individuare tra le cause di problemi di linguaggio:

  • abitudini viziate dell’infanzia, come l’uso prolungato del ciuccio, il succhiamento del pollice, la masticazione delle guance, fenomeni come onicofagia o lapisfagia (mangiare le unghie o succhiare le matite), ecc.;

 

  • posizionamento non corretto della lingua, che si ripercuote sull’articolazione di suoni e fonemi palatali o dentali;

 

  • deglutizione atipica o problemi a deglutire, spesso correlati a una scorretta postura linguale o a una conformazione anomala del palato;

 

  • crescita disarmonica dei mascellari o dei denti, che può comportare problemi di occlusione dentale o situazioni di squilibrio muscolare a livello facciale.

 

In casi come questi, è fondamentale partire dalla risoluzione dei disturbi di linguaggio del bambino per poter poi intervenire sui problemi ortodontici riscontrati all’interno del cavo orale. L’azione congiunta di logopedista e ortodontista porta così a un lavoro di squadra finalizzato da un lato a ripristinare le corrette funzioni di respirazione, deglutizione, masticazione e il posizionamento ottimale di denti e lingua e, dall’altro, a eliminare gli impedimenti fisici e le abitudini errate che possono compromettere o ostacolare la corretta fonazione del bambino.

All’interno della Clinica Marchetti, poliambulatorio specializzato nella cura e salute del distretto testa-collo, i nostri specialisti seguono questo tipo di approccio per tutti i pazienti, a cominciare da quelli più piccoli (scopri i servizi dedicati ai pazienti in età pediatrica).

Condividi la notizia

tutti i campi sono obbligatori

< CHIUDI

Notizie più lette

Martedì 24 Novembre 2020

DIFFERENZA TRA ISOLAMENTO E QUARANTENA - CHI SONO I CONTATTI STRETTI - I TEMPI DEL COVID19

Bisogna innanzitutto capire se siamo considerati “contatti stretti” di un caso positivo oppure eseguiamo il tampone perché abbiamo noi stessi sin...