Trattamento con botulino contro sudorazione eccessiva delle ascelle
Medicina Estetica e Chirurgia Plastica

Botox per disidrosi ascellare

09 Febbraio 2022
CATEGORIE E ARCHIVIO >

Trattamento con botulino contro sudorazione eccessiva delle ascelle

Iperidrosi ascellare: cos’è e come si cura

L’iperidrosi è un fenomeno di sudorazione abbondante in alcune parti del corpo, che espellono sudore in modo eccessivo rispetto a quanto dovrebbe accadere. L’iperidrosi primaria essenziale – la forma più comune di questo disturbo, non associata ad altre patologie – si manifesta concentrata in determinate zone, solitamente sotto forma di eccessiva sudorazione delle ascelle, dei palmi delle mani o delle piante dei piedi, ma a volte può interessare anche il collo, la fronte, l’inguine o il petto: basti pensare che in tutto il nostro corpo esistono più di 2 milioni di ghiandole sudoripare.

 

L’efficacia del botulino contro l’iperproduzione di sudore

Per risolvere il problema dell’eccessiva produzione di sudore dalle ascelle non è generalmente necessario ricorrere a un intervento chirurgico, ma si può sfruttare le proprietà della tossina botulinica di tipo A. Questa sostanza, conosciuta anche come botulino o botox, è una proteina prodotta da un batterio che è in grado di agire contro il neurotrasmettitore responsabile della iperidrosi: la acetilcolina, molecola che se rilasciata in eccesso provoca una sovrastimolazione delle ghiandole sudoripare a livello locale. Le infiltrazioni di botulino sono pertanto il trattamento più diffuso per risolvere i problemi di sudorazione eccessiva.

 

Eliminare la sudorazione ascellare con iniezioni di botox

Il trattamento botulinico dell’iperidrosi ascellare è il modo più efficace per risolvere il problema di eccessiva sudorazione ascellare. L’intervento consiste nell’eseguire infiltrazioni di tossina botulinica a livello locale nelle zone interessate dal problema. Il botox agisce inibendo il rilascio dell’acetilcolina e quindi andando a sollevare le ghiandole sudoripare delle ascelle dalla stimolazione dovuta a una sovraproduzione di questa sostanza.

L’intervento con botulino per la cura dell’iperidrosi è eseguito in regime ambulatoriale senza bisogno di anestesia, con sedute di breve durata che vengono ripetute a intervalli di 6-8 mesi quando il farmaco iniettato perde efficacia. Questo tipo di trattamento non comporta effetti collaterali e mostra subito risultati visibili, consentendo un immediato ritorno alla normale attività.

Condividi la notizia

tutti i campi sono obbligatori

< CHIUDI

Notizie più lette

Martedì 24 Novembre 2020

DIFFERENZA TRA ISOLAMENTO E QUARANTENA - CHI SONO I CONTATTI STRETTI - I TEMPI DEL COVID19

Bisogna innanzitutto capire se siamo considerati “contatti stretti” di un caso positivo oppure eseguiamo il tampone perché abbiamo noi stessi sin...